Un ricordo del dott. Giuliano Pestilli

Il nostro Istituto desidera tributare un saluto speciale ed affettuoso al dott. Giuliano Pestilli, che ci ha lasciati lo scorso 11 marzo. Affidiamo questo compito al prof. Davide Bellotti che, più di tutti, lo ha conosciuto ed è stato testimone dell’impegno da lui profuso per la nostra scuola.

Tanti ricordi mi uniscono a Giuliano di cui è superfluo sottolineare la stima che tutti gli tributavano in maniera incondizionata per la serietà professionale, la grande passione per la cultura e per la costante coerenza con i valori fondanti della nostra comunità che hanno improntato il suo agire.

Il primo ricordo che ho di lui è legato al momento in cui - nel 1993 - sono giunto come docente al Liceo Scientifico “Tullio Levi Civita”, allora Liceo con sua autonomia e propria presidenza, non ancora accorpato come Istituto di Istruzione Superiore. Qui ho avuto l’onore di essere eletto dal Collegio dei Docenti come Preside Vicario e con questa funzione mi sono immediatamente relazionato con l’Assessore alla Cultura di Codigoro, Giuliano Pestilli, con il quale ho condiviso diversi progetti allo scopo di promuovere e innovare la scuola. Tra questi, il ricordo più vivido è legato alla realizzazione della mostra allestita – all’interno del Liceo - in occasione delle celebrazioni del cinquantesimo della Liberazione.

Spinti dal reciproco entusiasmo nel collaborare, dalla forte convinzione dell’importanza di trasmettere valori ai giovani e grazie alla sincera, fattiva disponibilità di Giuliano, tantissimi sono stati i materiali raccolti e provenienti da enti e associazioni, musei, biblioteche, singoli privati cittadini: una esposizione di centinaia di pezzi e centinaia di pannelli e l’organizzazione di diverse conferenze a cui è seguito il plauso di autorità nazionali ed internazionali.

Ma l’azione che più fortemente abbiamo condiviso è stata la progettazione e l’avvio delle attività didattiche di un indirizzo nuovo per la nostra Scuola, il Liceo Socio-Psico-Pedagogico, oggi Liceo delle Scienze Umane. Ricordo quel periodo come permeato da un lungo lavoro di ricerca e progettazione, fitto di incontri tra cui quello che ci ha visti in trasferta a Roma, al Ministero della Pubblica Istruzione, con il quale era necessario allora relazionarsi; infine, ricordo anche un importante convegno con il Dirigente ministeriale del settore, in presenza delle autorità locali, a Codigoro.

Tre anni sono stati necessari per conseguire il nostro obiettivo, e certo a ciò ha contribuito anche la lungimiranza di due Presidi, il compianto Prof. Carlo Giovanni Papaleo e la Prof.ssa Antonietta Cataldi, ma ciò che più ricordo è l’entusiasmo di Giuliano. In quei giorni il contatto con lui era costante e profondo, con sincera condivisione di ogni decisione.

Vorrei, infine, ricordare l’importante iniziativa culturale che Giuliano, in qualità di Presidente del “Premio di Poesia Caput Gauri”, ha portato avanti in collaborazione con la nostra scuola a partire dall’ottobre 1999, e cioè  l’ incontro dell’Ospite d’onore del Premio con gli studenti del triennio. Il primo ospite fu il cantante Roberto Vecchioni a cui sono seguite, negli anni, molte altre personalità significative della cultura italiana.

A conclusione di questo mio ricordo, desidero riaffermare che ho trovato in Giuliano, non codigorese di nascita ma che Codigoro aveva sposato - nella realtà dello stato civile e nella sua onesta, profonda dedizione - una ferma determinazione nel voler contribuire alla crescita del territorio in cui viveva e cresceva i propri figli. Determinazione e dedizione che non sono mai state smorzate né dalla conclusione del suo mandato politico né dalla malattia che lo aveva colpito negli ultimi anni.

Letto 670 volte
Condividi questo articolo

Info autore

Segreteria

Segreteria digitale
Registro elettronico famiglie

Segreteria digitale

Registro elettronico per le famiglie

Link utili

Link utili

Mappa

Top
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy (link). Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. More details…